Apple al lavoro su chip per AI

Apple al lavoro su chip per AI

A partire dal 2013, con il rilascio di iPhone 5s, i dispositivi Apple sono stati equipaggiati di coprocessori di movimento targati con la sigla "Mx" che permettono ad iPhone e iPad di monitorare continuamente movimento e altri dati senza affliggere particolarmente la batteria.

Ovviamente, le tempistiche proposte potrebbero non essere rappresentative di tutti i modelli della linea: iPhone 7S e iPhone 7S Plus potrebbero risultare disponibili sin da subito, mentre iPhone 8 pare richiederà della pazienza aggiuntiva.

Con questo stop alle ferie dei propri dipendenti, Apple vuole quindi averli tutti a disposizione e pronti a gestire la grande quantità di utenti che si riverserà negli Apple Store per acquistare i nuovi melafonini. Al rilascio del dispositivo manca ancora qualche mese, ma ormai siamo al rettilineo finale e ogni nuova informazione ha certamente un peso specifico maggiore rispetto a quelle circolate nelle scorse settimane.

Il CEO di Apple Tim Cook in passato ha dichiarato più volte come la realtà aumentata e l'AI siano i due pilastri centrali del futuro della compagnia.

Il sito nipponico Makotakara svela la prima cover di iPhone 8, da questo accessorio possiamo trarre alcune conclusioni. In effetti dalle indiscrezioni precedenti era stato rivelato come il nuovo smartphone con la mela morsicata potesse avere uno spessore di 7.7 millimetri ossia 0.6 millimetri in più.

Come potete vedere da questi scatti, c'è anche una sorpresa. Il foro per i sensori appare anche abbastanza più grande di quello su iPhone 7, ciò lascia intuire che si tratterà di obiettivi più avanzati, magari in grado di assolvere anche a funzionalità aggiuntive.

A giudicare dalle dimensioni della cover e considerando l'intenzione da parte di Apple di proporre un display borderless, lo schermo dovrebbe essere di 5.8 pollici, dunque più ampio di quello di iPhone 7.