Antognoni spinge Pioli in viola

Antognoni spinge Pioli in viola

Il dirigente viola Giancarlo Antognoni, intervenuto a margine della consegna del Premio Facchetti, ha fatto il punto sul futuro del bomber croato. La Fiorentina vuole costruire una squadra che mantenga le posizioni di classifica ottenute in questi anni. Poi normale che probabilmente ci sarà da fare qualche sacrificio.Il Milan su Kalinic?

Uno sguardo anche ai tanti giovani italiani, la nuova generazione che cresce per la Nazionale: "Oltre a Berardi, Bernardeschi e Belotti, in questa stagione sono emersi anche Donnarumma e i ragazzi dell'Atalanta". E' un patrimonio della Fiorentina, e giustamente la società vuole mantenerlo - ha proseguito l'ex numero 10 viola - Sicuramente farà il possibile per poter tenere questo giocatore, anche perché la proprietà vuole sempre rimanere a un certo livello di classifica, credo sia abbastanza inutile dar via giocatori importanti.

"Kalinic? Non lo vuole soltanto il Milan. E' chiaro che i matrimoni si fanno sempre in due o in tre a volte". Pioli? Un profilo giusto, potrebbe andare bene per la Fiorentina. Per quello che resta il ricordo più bello della carriera: "Nel mondiale del 1982 partimmo senza molte pretese ma riuscimmo ad arrivare alla fine - racconta - Bearzot per me è stato come un padre, è sempre andato contro a le scelte che la stampa voleva".