Andrea Salerno nuovo direttore de La7

Andrea Salerno nuovo direttore de La7

È stato nominato il nuovo direttore di La7. Fabrizio Salini lascerà "per motivi personali" alla fine di maggio. Tante difficoltà potrebbero diventare un'opportunità per La7 di arricchire il proprio palinsesto, a danno della terza rete Rai, rimettendo insieme una squadra vincente dopo averla divisa, magari sotto un titolo diverso ma non troppo. "A lui va il ringraziamento del Presidente Urbano Cairo per il lavoro svolto e per la collaborazione proficua, sia dal punto di vista umano che professionale", si legge in una nota di La7. Gli altri compiti del direttore di La7 che diventerà tale il 1° giugno dell'anno in corso saranno la stesura dei palinsesti oltre che l'onere di decidere i contenuti e l'offerta multimediale dell'azienda.Il neo direttore di La7 ha già avuto esperienze dirigenziali importanti come quella in RaiTre oppure quella nella società di produzione Fandango. Negli ultimi dieci anni ha rivestito il ruolo di direttore editoriale della società di produzione Fandango di Domenico Procacci, ma è in Rai che inizia la sua carriera da dirigente a partire dal 1996. Nato a Roma nel 1965, è un giornalista professionista e autore televisivo italiano. Dal 1998 al 2007, assistente della direzione di Raitre. Per La7 ha curato e prodotto nel 2012 'The show must go off', firmandolo anche come autore.

Salerno ha lavorato a lungo a Raitre come autore televisivo, contribuendo a creare programmi come 'Per un pugno di libri', 'L'ottavo nano', 'Il caso Scafroglia', 'La Superstoria' e 'Parla con me'.

Per la fiction, nel 2014 è stato produttore delegato con Laura Paolucci della serie Sky Gomorra e Gomorra 2 prodotta da Cattleya e Fandango. Nel 2015 è produttore delegato con Laura Paolucci della mini serie 'L'Oriana', biografia di Oriana Fallaci, prodotta da Fandango Tv per Raifiction. È autore, con Stefano Bises e Laura Paolucci, del soggetto e della sceneggiatura del film di Lucio Pellegrini 'La vita facile' (2011). Per il cinema per Fandango ha curato, in qualità di produttore delegato, il film Qualunquemente (2011) con Antonio Albanese. Nel 2012 ha curato come produttore delegato, il film 'Tutto tutto niente niente' di e con Antonio Albanese, collaborando alla sceneggiatura.