Abusi sessuali online, 5 vittime al giorno sono minorenni

Abusi sessuali online, 5 vittime al giorno sono minorenni

Dorme nella stanza vicino alla mia e una sera è entrato, si è steso vicino a me, mi toccava i seni e poi ha iniziato a scendere con le mani. Secondo i dati Istat degli ultimi anni, nel 2016 le denunce all'autorità giudiziaria per atti sessuali con minorenne sono state 505. Oggi si celebra la Giornata nazionale per la lotta alla pedofilia e il Telefono azzurro lancia l'allarme: i dati del 2016 denunciano infatti un'esplosione della pedofilia e della pornografia con protagonisti bambini e adolescenti sul web. Come quella di Riccardo, 14 anni, che ha chiamato la linea 1.96.96 di Telefono Azzurro raccontando l'abuso sessuale subito qualche anno prima da un educatore del centro estivo frequentato: "Mi ha avvicinato dicendomi che se ne intendeva di massaggi, che doveva massaggiarmi i testicoli perché uno rischiava di rientrare...ora capisco che erano solo scuse".

In Europa si calcola che siano 18milioni i bambini vittime di abusi sessuali, solo in GranBretagna, sono oltre 57.000. Secondo un recente studio, più di un quarto di tutti i bambini vittime di tratta e oltre 500 minori richiedenti asilo non accompagnati - il 13% del totale - sono scomparsi almeno una volta entro il settembre 2015, mentre 207 non sono stati ritrovati.

In occasione della giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia l'associazione Telefono Azzurro ha rilasciato i dati aggiornati sul fenomeno.

Nel 2016 i casi di abuso sessuale e pedofilia gestiti da Telefono Azzurro sono stati 301.

"L'obiettivo è dare la possibilità alle vittime di ricominciare, la difficoltà è nel sapere ascoltare e avere la dignità di denunciarlo, per ogni minore abusato c'è un adulto che sa e che non parla". La maggior parte delle vittime continua ad essere di nazionalità italiana (con un trend che si attesta attorno al 90% dei casi). I dati paiono confermare come l'Europa stia diventando il maggior hub per ospitare immagini e video di abusi sessuali su minori, come suggerisce uno dei più recenti report dell'Internet Watch Foundation, che mostra che il 60% del materiale online su abusi sessuali a danno di minori sia ospitato in server europei, con un incremento di quasi il 20% negli ultimi anni. Si conferma il dato secondo cui la maggior parte degli abusi sessuali segnalati vengano messi in atto da persone conosciute (oltre il 90% dei casi della linea 1.96.96 e oltre l'80% dei casi per la linea 114), per lo più appartenenti al nucleo familiare.

In solo caso su dieci il responsabile è un estraneo.

I dati sono confermati anche dal National Centre for Missing and Exploited Children: un bambino su sei dei 18.500 minori non accompagnati sostenuti dall'organizzazione nel 2016 è stato vittima di tratta per sfruttamento sessuale di minori. Non solo, tra le femmine è in aumento anche la fascia di età adolescenziale: al numero 114 di Emergenza Infanzia si è passati infatti dal 22,3% di segnalazioni del 2013, al 25% del 2014, fino a raggiungere addirittura il 33,3% dello scorso anno.