Windows 10: gli aggiornamenti importanti arriveranno a marzo e settembre

Windows 10: gli aggiornamenti importanti arriveranno a marzo e settembre

Inoltre, Microsoft ha annunciato che gli utenti possono aspettarsi due importanti aggiornamenti della piattaforma ogni anno.

Nel frattempo sono trapelati online alcuni rumors riguardanti proprio il prossimo aggiornamento di Windows 10, il quale dovrebbe lanciare Project Neon che a sua volta dovrebbe apportare un cambio di look all'interfaccia, oltre ad aggiungere vari miglioramenti al browser Edge, l'implementazione della Tabbed Shell e molto altro ancora. Ad supportare il passaggio al nuovo regime ci sarà la nuova natura di Windows 10, che ora risulterebbe essere molto più agile nell'installazione di update e patch rispetto al passato. Microsoft dice di aver voluto dare l'annuncio con ampio anticipo per dare modo ai clienti di adattarsi alla novità, riconoscendo il fatto che l'ammodernamento dei client basati su Windows 10 e Office 365 PP è un lavoro non indifferente. Il blocco è arrivato in seguito le notizie che solo 13 telefoni avrebbero ricevuto l'aggiornamento Creators per Windows 10 Mobile.

Pare che sia questa la tempistica che il colosso di Redmond adotterà anche nei prossimi anni per quanto riguarda il processo di evoluzione di Windows 10: un primo update nel mese di marzo e un secondo a settembre e ciascuna versione sarà supportata per 18 mesi. A partire dal 2020, ha comunicato infatti la corporation di Redmond, la politica degli update accorperà Windows 10 e Office 365 ProPlus (il pacchetto che offre accesso alla suite Office 2016 Professional Plus su cinque diversi dispositivi) con "aggiornamenti alle funzionalità" distribuiti in contemporanea. Per il prossimo Windows 10 Redstone 3 al momento non si ulteriori informazioni a riguardo, ma con ogni probabilità gran parte delle informazioni saranno mostrate in occasione dell'appuntamento nel corso della conferenza annuale di Microsoft Build Developer Conference prevista a Seattle il prossimo 10 maggio 2017.