VIDEO A Milano è "Tempo di Libri": 2mila ospiti, 400 stand

VIDEO A Milano è

Lo ha detto l'assessore alla cultura della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, partecipando oggi, nei padiglioni fieristici di Rho (Milano), alla giornata inaugurale della prima Fiera dell'Editoria Italiana, intitolata appunto "Tempo di Libri", manifestazione che sino al 23 aprile coinvolgerà editori, autori, bibliotecari, librai, studenti e lettori.

Milano sarà il punto di partenza di un circuito che farà poi tappa ad Alghero, con la volontà di dare alla vivace cittadina della Riviera del corallo la veste di una vetrina internazionale d'eccezione, teatro di una tre giorni dedicata agli scambi culturali sui temi delle lingue minoritarie, del patrimonio culturale, della letteratura e del paesaggio, accogliendo ospiti, tra editori ed esperti, provenienti da Spagna, Corsica e Germania. "Adesso vediamo Milano, a maggio vedremo Torino".

Finite le polemiche c'è però un clima di attesa e sospensione su quello che accadrà dopo lo sdoppiamento del Salone del Libro. E il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni ha sottolinea che "non c'è divisione tra Milano e Torino ma al contrario credo ci sia una sana competizione". Guarda lontano il presidente di Fiera Milano, Rettani, auspicando che Tempo di libri diventi "un evento internazionale, tanto da lanciare la sfida alla fiera del libro di Francoforte". "Per ora stiamo lavorando per fare un gran Salone del Libro e non abbiamo ancora ragionato su eventuali sinergie future" spiega la Appendino e aggiunge: "Le valutazioni si fanno alla fine".

Nel giro tra gli stand, su una superficie di 37 mila metri quadri, con 552 espositori e 2000 ospiti, la Fiera si presenta molto bella, meno dispersiva e più compatta rispetto a quella di Torino. Il vero test sarà il week end.

Sarebbe impossibile elencare tutti gli eventi che saranno protagonisti in fiera, ma meritano sicuramente una citazione la lettera C di "cena" con l'incontro con lo chef Antonino Cannavacciuolo il 22 aprile alle 18.30 per presentare il suo nuovo libro di ricette "Mettici il cuore". "Ci saranno autori che parlano di altri autori e i piccoli editori sono l'80 per cento delle presenze".