Vaccini, radiato il primo medico contrario. I legali: "Trattato come un assassino"

Vaccini, radiato il primo medico contrario. I legali:

La decisione dell'Ordine dei medici di Treviso è stata accolta con favore dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e dal presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, nella chiave di una lotta a chi mette in pericolo la collettività inculcando timori per i vaccini, invece di spiegare che sono l'unica arma per debellare gravi malattie. Per i suoi avvocati, Silvio Riondato e Giorgio Piccolotto, il dottor Gava, "è stato condannato soltanto per le sue idee, idee ben fondate sull'esigenza di personalizzazione di ogni vaccinazione per prevenire i gravi pericoli e i vari danni da vaccino ai singoli pazienti, contro la vaccinazione indiscriminata di massa". A cadere è infatti la testa del dottor Roberto Gava, che in questi anni si è permesso di far valere i propri diritti, quello sulla libertà di espressione e sull'agire in scienza e coscienza che è (o dovrebbe essere) alla base del comportamento medico. "L'Ordine - concludono - infligge a Gava la massima sanzione, come quella che sarebbe inflitta ad un medico pluriassassino dei suoi pazienti". In tutti i paesi del mondo seri si agisce così, visti i danni che queste posizioni possono provocare la radiazione è una misura più che giustificata. Interviene pure il Presidente dell'Ordine dei Medici di Treviso, Luigi Guiarini, il quale sottolinea come sia "evidente che la commissione etica formata da 15 persone, per quanto riguarda Treviso, ha ritenuto che sia stato violato il codice deontologico, ma qui mi fermo".

Meno di un anno fa la Fnomceo aveva preannunciato sanzioni fino alla radiazione per i medici con posizioni antiscientifiche rispetto ai vaccini e, ad oggi, sarebbero almeno altri due i procedimenti disciplinari aperti. Roberto Gava, per le presunte posizioni anti-vaccini. "Non posso commentare - dice - c'è il segreto istruttorio".

Blogger del fattoquotidiano.it, laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, e poi studioso di Agopuntura Cinese, Omeopatia Classica, Bioetica e Ipnosi Medica, Gava è autore di testi di Farmacologia e numerose pubblicazioni scientifiche."Da una ventina d'anni sto cercando di studiare gli approcci medici non convenzionali rivedendoli anche alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, essendomi convinto che il medico deve aprirsi a molte tecniche terapeutiche scegliendo di volta in volta per il suo paziente quella più appropriata", scrive nella sua biografia.