Thailandia, orrore sul web: uccide figlia su Facebook Live

Thailandia, orrore sul web: uccide figlia su Facebook Live

Una cugina della madre della bambina uccisa ha dichiarato all'agenzia di stampa Reuters che la famiglia era troppo scioccata per pensare alla rimozione del video da Facebook. A rendere noti i fatti è stata la polizia, mentre un portavoce di Facebook a Singapore ha parlato di "un incidente terribile", sottolineando che "non c'è assolutamente posto per contenuti di questo tipo su Facebook e ora i video sono stati rimossi". L'omicidio-suicidio è avvenuto qualche ora dopo uno screzio tra i due coniugi. Facebook, che definito l'accaduto "scioccante" ha inviato le sue condoglianze e ha rimosso il video, che però è rimasto online su Youtube per almeno un giorno intero.

Nei quattro minuti di video si vede l'uomo avvolgere una corda attorno al collo della figlia Beta per poi calarla dal tetto, ritirandola su solo quando la piccola ha ormai smesso di piangere.

Secondo gli investigatori il movente dietro il doppio delitto sarebbe quello della gelosia ossessiva frutto della paranoia di cui soffriva l'uomo, il quale riteneva che la moglie lo avrebbe presto abbandonato.

La crisi era nata dopo che Wuttisan aveva controllato il telefonino della moglie Jiranuch. "Ho lasciato Beta con lui, e quando sono tornata nel pomeriggio loro non c'erano più". La donna ha riferito di numerosi abusi subiti nel corso del rapporto con il padre di sua figlia: questi inoltre l'aveva accusata ingiustamente più volte di avere degli amanti. La polizia non ha potuto fare altro che recuperare i cadaveri. "Poi sono entrata su Facebook, ho visto il video e ho chiamato la polizia".