Siria: Usa e Gb accusano Assad di aver usato armi chimiche

Siria: Usa e Gb accusano Assad di aver usato armi chimiche

La notizia è stata diffusa dall'Osservatorio siriano per i diritti umani. Tra le vittime ci sono undici bambini, mentre i feriti sono 160, alcuni dei quali in gravi condizioni. Avviene a Khan Sheikhoun, città occupata dai ribelli nella provincia settentrionale di Idlib in Siria dove, dopo il raid, un attacco aereo ha colpito l'ospedale in cui venivano curate le vittime. E poi un padre, disperato, con gli occhi segnati dal pianto, che tiene in braccio il corpo rigido della sua bambina. Secondo l'Osdh il raid avrebbe causato la morte di 58 civili, di cui almeno 11 bambini.

Il Ministro degli esteri francese Jean-Marc Ayrault e l'Alto rappresentante Ue per gli Affari Esteri Federica Mogherini hanno puntato il dito contro Assad e il primo ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. "Ovviamente c'è una primaria responsabilità del regime - ha poi sottolineato - perché deve proteggere il suo popolo, non attaccarlo". Quelle armi probabilmente sono state distrutte, riferiscono gli attivisti, ma gli stati membri delle OPCW hanno più volte messo in dubbio che Assad avesse dichiarato tutto nel 2013.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha telefonato al collega russo Vladimir Putin per discutere dell'attacco sferrato con gas e sostanze chimiche nella citta' di Idlib, nel nord della Siria, una roccaforte dei ribelli siriani. La fonte, ha precisato l'emittente, ha detto che le forze siriane "non hanno e non hanno usato armi chimiche, né ora né in passato".

"Ad Idlib potrebbe essere stato usato gas Sarin" - Lo ha detto un membro di un centro di informazione dell'opposizione della zona, Mohammed Hassoun, citato dall'agenzia Ap, riferendo dei sospetti nutriti da sanitari.

Sono arrivati anche dei rapporti non confermati circa alcuni aerei che hanno sparato razzi contro le cliniche locali che trattano i sopravvissuti: il governo siriano ha ripetutamente negato l'uso di armi chimiche, ma se confermato, sarebbe uno dei più letali attacchi chimici in Siria dall'inizio della guerra civile iniziata sei anni fa.