Sarri: "Sassuolo insidioso. Lo scudetto? Non si può programmare"

Sarri:

"È giusto che i ragazzi abbiano l'obiettivo del secondo posto e dobbiamo fare di tutto per raggiungerlo".

Intervenuto in conferenza stampa, Maurizio Sarri, tecnico del Napoli, ha dichiarato: "Rinnovo Insigne?". "Non ho un lungo contratto, l'anno prossimo c'è una clausola per la società e una mia, quindi teoricamente potrebbe essere anche l'ultimo". "Sono contento per lui e perché questa è una bella storia con un ragazzo napoletano che può diventare la bandiera della squadra della sua città".

Sulla formazione di domani e sulle condizioni di Hamsik: "Marek ieri si è allenato con noi, dovrebbe esserci, valuteremo oggi". E' un ciclo forte, ma io penserei anche ad altre cose. "Quest'anno ha pagato la prima esperienza europea, ha avuto un numero incredibile di infortuni e non s'è ripetuta, ma nella gara singola è pericolosissima". "Ci sono margini di miglioramento perché nel girone di ritorno siamo secondi per tiri subiti". Il giocatore che ho fatto crescere di più? "Però vorremmo andare al di là della logica e capire se ne calcio c'è spazio per i sogni". Io ho risposto solo alla domanda se è programmabile uno scudetto, io ho detto solo che secondo me non è possibile se non cambiano delle cose. Tocca 145 palloni, ho visto elogi dalla Gazzetta dello Sport per chi ne tocca 95.

Sul futuro e la permanenza al Napoli: "Non so se resterò, ma non ci penso". Senza grandi qualità non è che un allenatore può inventarsi qualcosa. "Un giorno infinitamente triste, faccio le condoglianze alla famiglia". Michele era un corridore forte, un personaggio bello e sorridente. Resta una squadra forte nelle singole partite, al di là della classifica che non è sua. Così ha detto Sarri, sottolineando come il Napoli sia una squadra in crescita, ma che necessità di acquisire una maggiore personalità.

Calci d'angolo. "Potremmo sfruttarli meglio, è uno di quei particolari che dobbiamo migliorare". Ho letto un'intervista ad un giocatore della Roma (Fazio, ndr) che diceva le stesse cose. In serie A solo una squadra ha così tanti punti, il resto delle squadre sono in linea con gli altri campionati.

SUL GRUPPO- "Abbiamo ancora qualche margine come mentalità, dobbiamo curare meglio i particolari a livello individuale e collettivo". Come si può migliorare? "C'è una sorta di romanticismo, ma domani c'è una partita e bisogna parlare di altro".