Russia sospende memorandum di cooperazione sulla Siria con gli USA

Russia sospende memorandum di cooperazione sulla Siria con gli USA

Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in una conversazione telefonica con il premier israeliano Benyamin Netanyahu. "La Siria ha infatti ignorato gli avvertimenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu".

Dure le reazioni di larga parte dei leader mondiali.

HA VINTO L'ISIS - Il presidente della Duma (la Camera bassa del parlamento russo), Viacheslav Volodin, ha detto che l' attacco Usa alla base area siriana è una vittoria per l'Isis. Inoltre, secondo il portavoce del Cremlino, "Putin vede negli attacchi contro la Siria da parte degli Usa un tentativo di distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalle numerose vittime tra la popolazione civile in Iraq".

Il portavoce di Putin ha detto ancora che Washington non ha nessuna "informazione obiettiva" sul "crimine mostruoso" rappresentato dalla strage di due giorni fa, in quanto "subito dopo la tragedia nessuno ha potuto aver accesso" alla zona colpita e quindi "nessuna delle informazioni di cui può disporre la parte statunitense, o i nostri colleghi in altri paesi, può basarsi su prove materiali o testimonianze oggettive". "Putin nello specifico ha dichiarato che è inaccettabile muovere accuse contro chiunque finché non viene condotta una indagine internazionale completa e imparziale".

L'intervento degli Usa peggiorano i rapporti - già alquanto tesi - tra Mosca e Washington.

"Se è un raid e poi basta, ci sono margini", spiega ad askanews una fonte vicina ai vertici moscoviti. Volodin ha poi denunciato che ora tutti gli sforzi compiuti dalla Russia e da chi l'ha sostenuta per distruggere il terrorismo, "anche gli Usa erano in questo dialogo", vengono così vanificati.

Attacco Usa in Siria: lanciati 59 missili. Secondo il segretario di Stato Rex Tillerson, questa comunicazione non c'è stata. Mentre il presidente siriano Bashar al Assad va all'attacco bollando il comportamento degli Usa come "spericolato e irresponsabile". "I russi diranno che non è loro intenzione andare a nuova escalation".