Russia, Cremlino: bomba a Pietroburgo è anche "sfida" a Putin

Russia, Cremlino: bomba a Pietroburgo è anche

Tutti questi attacchi sono stati rivendicati da gruppi islamisti, che il terrorismo in Russia è figlio delle brutali guerra condotte da Mosca in Cecenia e della tensione separatista - e spesso islamista - in Daghestan e in generale dalle vecchie repubbliche sovietiche a forte presenza musulmana - in Afghanistan e altrove gli uzbeki sono una parte importante dei foreign fighters. Lo riferisce il Cremlino, mentre la Casa Bianca non ha ancora reso noto il colloquio.

La stazione della metropolitana di San Pietroburgo "Sennaja" è stata chiusa a causa di un allarme bomba.

Peskov ha aggiunto che la pista dell'attentatore nato in Kirghizistan, ma di nazionalità russa, resta una di quelle sul tavolo. Si tratta di un uomo con copricapo nero e barba. Per i prossimi tre giorni è stato dichiarato il lutto cittadino. All'agenzia di stampa Interfax, Viktor Ozerov, un membro del comitato di difesa e di sicurezza della camera alta del parlamento russo, ha sottolineato come questo abbia "tutte le caratteristiche di un attacco terroristico".

Trump e Putin hanno rilevato durante la conversazione telefonica che il terrorismo è un male che va combattuto insieme. Come quello l'attenato suicida del gennaio 2011 nei pressi dell'area arrivi internazionali nell'aeroporto di Mosca-Domededovo che provocò 37 morti con la rivendicazione del capo ceceno integralista Doku Umarov.

Due esplosioni devastanti nei vagoni. Nel 2002 la polizia fece irruzione in un teatro di Mosca per porre fine a una presa di ostaggi e il bilancio finale fu di 120 ostaggi uccisi. La Russia è stata più volte vittima di attentati di natura diversa.

"Attentato #SanPietroburgo, 14 morti e i sostenitori #ISIS festeggiano".