Raid aereo con "gas tossici" in Siria: decine di morti, anche bambini

Raid aereo con

Si sarebbe trattato di un raid governativo su un'area controllata dagli insorti, come riferito dall'Osservatorio siriano dei diritti umani. Il governo siriano ha tuttavia smentito ogni coinvolgimento. A darne notizia il sito d'informazione vicino all'opposizione 'Shaam', secondo cui "i 22 raid sarebbero stati condotti all'alba da jet russi Sukhoi".

E' salito a 100 morti e 400 feriti il bilancio dell'attacco aereo condotto con gas tossici sulla città di Khan Sheikhun, nella provincia di Idlib, nella Siria nordoccidentale. Le immagini diffuse in Internet mostrano personale sanitario che sta intubando un bambino e un altro bambino con la maschera dell'ossigeno.

La Coalizione nazionale, importante componente dell'opposizione siriana, ha spiegato in un comunicato di volere che il Consiglio di sicurezza "convochi una riunione urgente dopo questo crimine e apra un'inchiesta immediata".

Siria sotto choc per un sospetto attacco chimico che avrebbe causato la morte di decine di persone nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli.

Secondo l'Onu, essa ospita anche 900.000 sfollati provenienti da altre zone di guerra.