Operazione contro la cosca Pesce, 20 arresti

Operazione contro la cosca Pesce, 20 arresti

E' di 15 fermi il bilancio di 'Eracle', vasta operazione contro la 'ndrangheta effettuata da Carabinieri e Squadra Mobile a Reggio Calabria.

I presunti responsabili dei raid sono accusati di associazione mafiosa finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, tentata estorsione, intestazione fittizia di beni e maltrattamento di animali, con l'aggravante del metodo mafioso.

Secondo gli inquirenti gli indagati apparterrebbero alle cosche Condello di Archi e Stillitano di Vito. È poi stato scoperchiato anche un giro di corse clandestine di cavalli che venivano fatti gareggiare per le strade cittadine, durante le prime ore del giorno.

L'attività d'indagine ha consentito di accertare come esponenti di primo piano della "Cosca CONDELLO", agendo in perfetta sintonia con alcuni rampolli della "Cosca TEGANO", avessero assunto la gestione monopolistica dei servizi di "Buttafuori" presso i principali locali d'intrattenimento serale e notturno della città di Reggio Calabria.