Onestà: direttore Agenzia Entrate di Genova arrestato mentre prende tangente

Onestà: direttore Agenzia Entrate di Genova arrestato mentre prende tangente

All'compimento degli approfondimenti, sono emersi illegittimi comportamenti assunti da parte di P.W., durante 63, Capo Semplice dell'Organizzazione delle Entrate del capoluogo ligure, i quali è di stato per questa ragione imprigionato intascava una " durante 7.500 euro, per emotività caldeggiare una intesa, da parte di 3 commercialisti della Campania, anch'loro lineamenti durante sospensione, un altro 57enne professionista genovese è di stato cospicuo a falda anticonformista durante frequenza.

Secondo le Fiamme gialle la Liguria è stata quindi scelta per ottenere una transazione favorevole e trattare personalmente con Pardini, nominato capo dell'ufficio provinciale delle entrate l'anno scorso, ruolo che gli avrebbe consentito un'ampia discrezionalità nel chiudere compromessi come quello richiesto dalla Securpol. Il funzionario e' accusato di corruzione.

Si tratta di una 'mazzetta' da 7500 euro.

L'arresto di Walter Pardini e di altre tre persone è avvenuto ieri sera a Recco nel famoso ristorante "Da Manuelina".

L'indagine condotta dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria è stata coordinata dal pm Massimo Terrile. "L'Agenzia delle Entrate -prosegue la nota- offre la massima collaborazione all'autorità giudiziaria per far piena luce sulla vicenda e condanna con risolutezza i comportamenti disonesti, dinanzi al quale -conclude la nota- adotta con fermezza e celerità sanzioni disciplinari espulsive e da anni orienta i propri sistemi di controllo interno nell'individuazione e prevenzione di ogni possibile abuso con particolare riferimento ai potenziali comportamenti fraudolenti". Sotto shock e molto amareggiati i 400 impiegati dell'Agenzia delle Entrate di Genova.