Omicidio Emanuele Morganti ad Alatri, fermato un terzo aggressore a Frosinone

Omicidio Emanuele Morganti ad Alatri, fermato un terzo aggressore a Frosinone

Fortuna è sospettato di aver preso parte al brutale pestaggio in modo violento e attivo come gli altri due giovani, Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, già in carcere con la stessa accusa. Si tratta di Michel Fortuna, 24 anni, finito già nei giorni scorsi sul registro degli indagati insieme ai quattro buttafuori del Miro Music Club e al padre di Castagnacci, Mario. Per loro il gip ha convalidato il fermo il 31 marzo scorso.

Le indagini sull'omicidio di Emanuele Morganti il 20enne di Alatri, ucciso per le percosse davanti ad una discoteca, vanno avanti. Il provvedimento cautelare è stato immediatamente eseguito dai militari operanti, che hanno bloccato Fortuna a Frosinone, presso la casa di un parente.

E il decreto di fermo "si è reso necessario alla luce della rilevantissima pericolosità desumibile dal comportamento gravissimo posto in essere, in ragione del concreto pericolo che il fermato potesse darsi alla fuga nonché per prevenire il concreto rischio di inquinamento di prove dichiarative, riferibile sia al materiale probatorio già raccolto che all'evoluzione delle investigazioni, che proseguono ancora con il massimo impegno". Secondo il procuratore Giuseppe De Falco, che coordinal'inchiesta sull'uccisione di Emanuele Morganti, la terzapersona appartenente al branco fermata oggi sarebbe moltopericolosa e avrebbe avuto un ruolo attivo nelle fasidel'aggressione.