NN Investment Partners: Francia, i rischi di una presidenza Le Pen

NN Investment Partners: Francia, i rischi di una presidenza Le Pen

È infatti l'imprevedibilità il filo conduttore di una campagna elettorale infinita in cui diversi fattori stanno continuamente spostando le percentuali di gradimento dei diversi candidati in corsa, ultimo in ordine di tempo proprio mentre si stava tenendo il dibattito televisivo tra i candidati, l'attentato accaduto sugli Champs-Élysées a Parigi con un poliziotto morto, 2 agenti feriti, un turista ferito leggermente e l'attentatore - di cui sono conosciute le generalità - ucciso. Secondo l'esperto, "la logica politica" diceva che un attacco ci sarebbe stato, "l'allarme c'era e c'è tuttora, altri possono riprovarci".

Sarà che gli ultimissimi sondaggi, anche dopo il nuovo attentato di ieri sera a Parigi, continuano a vedere in testa Emmanuel Macron. I sostenitori della Le Pen, galvanizzati dagli eventi di queste ore, si sono attivati per spiegare che alle elezioni di domenica 23 aprile l'alternativa è tra Youssouf El Osri, Mohamed Lahouaiej, Chérif Kouachi, Salah Abdeslam e Marine Le Pen. Per la candidata alle presidenziali in Francia adesso bisogna tutelare: "L'unità della nazione e alla lucidità", denunciando il "lassismo e l'ingenuità".

Sugli Oat a 10 anni, le obbligazioni governative francesi di più lunga durata, negli scambi pomeridiani si registrano marginali vendite e cali dei prezzi, che su questi titoli corrispondono a speculari incrementi dei tassi retributivi: il rendimento decennale si attesta allo 0,859%, solo tre punti base in più rispetto alla chiusura precedente. La notizia è giunta mentre stava parlando Benoit Hamon, il candidato socialista, ed è chiaro che l'andamento del confronto è cambiato. Ma il punto è che al di là della paura e dell'odio la Le Pen non ha altri progetti. Figlia del negazionista Jean-Marie Le Pen, Marine dal 2004 è parlamentare europea e dal 2011 leader del Front National, partito a estrazione profondamente nazionalista fondato dal padre, eletta presidente con oltre il 67% dei voti battendo lo sfidante Bruno Gollnisch in seguito alle dimissioni di Jean-Marie Le Pen. La situazione è quella di quattro candidati molto vicini nelle intenzioni di voto, tanto da non poter fare previsioni su chi potrà essere la coppia di candidati che andrà al ballottaggio.

Ecco Elezioni Francia, ultimi sondaggi e tutti i rischi per i mercati. "Il nostro popolo si è sempre opposto alla barbarie".

Un clima di aperto scontro non può che favorire l'aumento della radicalizzazione di chi si sentirebbe in qualche modo vessato e discriminato, manna dal cielo questa per l'Isis che aumenterebbe così le proprie fila.