Napoli, domani ufficiale il rinnovo di Insigne

Napoli, domani ufficiale il rinnovo di Insigne

Insigne e il Napoli non si lasceranno più. L'attaccante percepirà circa 4,5 milioni di euro a stagione più altri 500mila di bonus legati al rendimento del calciatore e agli obiettivi raggiunti dal club. Lorenzo Insigne è ormai un leader di questo Napoli, talento che con Maurizio Sarri sembra aver trovato finalmente il definitivo salto di qualità. Sono cresciuto qui e sono orgoglioso e fiero di questa giornata, di aver rinnovato per altri cinque anni.

Presente per l'occasione anche il presidente Aurelio De Laurentiis.

Infine, sulla sua avventura al Napoli ed il sogno scudetto: "Io sono arrivato col nuovo Napoli, arrivai con Santoro che c'era all'epoca nelle giovanili".

Ottavio Bianchi, tecnico del Napoli campione d'Italia 1986/87, ha rilasciato un'intervista al Mattino. Ora si dice 'perché non ci sono quei campi, lo stadio, le giovanili', ma lavorando a testa bassa, dal vivaio abbiamo comunque tirato fuori Insigne e tanti altri ne verranno fuori. La nostra volontà è quella di andare avanti con questi giocatori. Stesso discorso anche per quanto riguarda Reina. Quest'anno abbiamo ottenuto grandi risultati e continuando a lavorare così, credo l'anno prossimo ci si potrà togliere delle soddisfazioni. De Laurentiis ha voluto spazzare via indugi e paure. Parlando della volata per il secondo posto, il patron azzurro ha detto: "Il secondo o il terzo posto hanno a che vedere solo con numeri contabili". Ci si dimentica, una volta arrivati in Serie A, dei tempi bui. "Ad ogni modo noi cercheremo di confermare tutti". "Sono aspetti romantici che al calcio fanno bene". Siamo sulla strada giusta: vogliamo vincere. "Devo ringraziarli tutti, se sto facendo così bene è anche merito loro". Provai ad affiancargli Verratti, ma il mister di allora ci disse che con lui non avrebbe giocato.

Per De Laurentiis, su una storia che potrebbe rappresentare Insigne: " C'è un racconto di Ferrandino, dove c'è un bambino che lotta contro i divieti dell'epoca, per poi avere un futuro radioso, potrebbe fare al caso suo". Non si può abbandonare così facilmente la napoletanità.