Moto: Rossi, con Austin conto in sospeso

Moto: Rossi, con Austin conto in sospeso

Marc Marquez vola in America per cambiare marcia dopo la falsa partenza nella stagione 2017 del Motomondiale. Il non aver mai vinto sul circuito texano disegnato da Hermann Tilke è un ulteriore stimolo per provare a centrare il bersaglio grosso ed invertire una tendenza che lo ha visto perdente nel confronto diretto con il compagno di squadra Maverick Vinales, in testa alla classifica del campionato a punteggio pieno (due vittorie in Qatar ed in Argentina). Ma sul circuito di Austin, sede del Gp delle Americhe in programma domenica, Marquez finora è stato imbattibile: 4 vittorie e altrettante pole position dal 2013 al 2016.

E' altamente improbabile, insomma, che negli Stati Uniti il pilota spagnolo si autoelimini come ha fatto in Argentina, ma nonostante le statistiche non siano dalla loro parte, Vinales e Rossi, così come il Team Director Massimo Meregalli, sono molto fiduciosi sui 5513 metri del curcuit of the Americas: "Il layout della pista è molto interessante - dice Meregalli - e anche se in passato non siamo riusciti a sfruttarlo inizieremo il week end all'attacco". Avrei preferito arrivarci in una posizione di classifica migliore, ma e' un'altra gara, e' un altro weekend e daremo il 100% per conquistare il primo podio della stagione. "Austin è un tracciato molto difficile ma mi piace molto, ho un conto in sospeso perché l'anno scorso nel warm up avevo trovato un bel setup per la gara ma ho vanificato tutto con un errore (caduta a 19 giri dal termine ndr)". "E mi piace anche l'American style, per il modo in cui lì i tifosi vivono questo sport".

Anche nel comunicato ufficiale pre-gara, diramato come di consueto dal fornitore unico di pneumatici, si fa riferimento solamente alle tre mescole morbida, media e dura che saranno disponibili sia all'anteriore che al posteriore. C'è tanto lavoro da fare, ma ho fiducia nella moto e nel team. "Speriamo -conclude Pedrosa- in un buon risultato".