Maroni, a ottobre referendum autonomia Lombardia

Maroni, a ottobre referendum autonomia Lombardia

"Domani (venerdì 21 aprile, ndr) in Giunta annuncerò la data del referendum per l'autonomia" della Lombardia. "Ci ripensi, non è con inutili iniziative di parte ma tenendo insieme il territorio lombardo che si possono ottenere risultati per i cittadini". Così il governatore leghista Roberto Maroni, ieri al taglio del nastro di Tempo di libri, è tornato a parlare, alzando i toni delle polemiche, degli sbarchi incessanti sulle coste del sud.A giorni è attesa a Milano una nuova ondata di migranti: è l'inizio della stagione più delicata.

Da Catania, dov'è oggi, esulta il segretario del Carroccio Matteo Salvini: "Sono entusiasta, non vedo l'ora di votare lo stesso giorno in Lombardia e Veneto". "La chiusura delle trattative del Trattato di liberalizzazione commerciale transatlantico (meglio conosciuto come TTIP) e una marcata attenzione sulla questione bancaria e finanziaria, argomenti per i quali ho rispettivamente organizzato in Regione Lombardia un convegno e presentato una mozione in Consiglio regionale per il ripristino della Glass Steagall nell'autunno 2013, sono argomenti che sentiamo in comune per una ripresa economica anche del nostro Paese". "Il mio sogno - aggiunge - è quello di Gianfranco Miglio, l'unità nel rispetto delle diversità". Per rendere concreta l'autonomia di Veneto e Lombardia sarà necessaria una modifica costituzionale, quindi una legge costituzionale. Nessun riferimento allo "statuto speciale", base da cui era partita all'inizio la Lega.