Mangia sushi e ha un malore, muore dopo 5 giorni

Mangia sushi e ha un malore, muore dopo 5 giorni

Il giorno di Pasqua aveva pranzato col marito e il figlio di 5 anni in un ristorante giapponese a Savignano sul Rubicone, mangiando prevalentemente sushi. La donna, che soffriva d'asma, tornata a casa si è sentita male e il marito l'ha portata all'ospedale Bufalini di Cesena dove è stata ricoverata in preda a una crisi respiratoria acuta.

E' morta dopo cinque giorni di coma cerebrale, dopo quella cena a base di sushi in un ristorante di Savignano, zona Iper. Il bambino di 5 anni non ha invece accusato alcun malore. In questo momento i Nas stanno effettuando una verifica nel locale per escludere che le condizioni igieniche del ristorante abbiano potuto causare una simile reazione, nel frattempo la Procura di Cesena ha disposto un autopsia sul corpo della donna per stabilire la causa del decesso della donna. Il sostituto procuratore Laura Brunelli ha aperto un fascicolo in seguito al caso e, in attesa del risultato dell'autopsia eseguita dal medico legale Donatella Fedeli, i Carabinieri del Nas di Bologna hanno eseguito, assieme ai sanitari dell'Ausl Romagna, una ispezione alle cucine e alla dispensa del ristorante dove i coniugli avevano cenato. Ma la donna no, per lei non c'è stato nulla da fare. La donna 33enne essendo afflitta da una grave forma asmatica pensava di essere stata colpita da un attacco respiratorio. Ma le indagini proseguono sul fatto accaduto la sera del 16 aprile e il titolare del ristorante, un cinese 37enne, rimane indagato per omicidio colposo. "Il giorno di Pasqua 400 nostri clienti, intere famiglie con i bambini, hanno pranzato e cenato in quel ristorante - spiega -. Viene analizzato tutto in sede e poi, come si dice in gergo, immediatamente messo in 'abbattimento'".