Mancini: "Inter? I giocatori sono ottimi, i dirigenti non so"

Mancini:

Il Mancio torna anche sui motivi dell'addio: "Gli allenatori sono quelli che pagano per primi". Non può essere fatta da chi sta dall'altra parte del mondo e non c'entra nulla con il club.

" Non mi sono sentito maltrattato, è stata una mia decisione". Come nell'ultimo periodo di Mancini, tra cambio di società, latitanza dei nuovi proprietari, confusione massima sui progetti da costruire: "Ero nel mezzo del caos che c'è stato tra luglio e agosto e non si capiva bene".

"Non ho deciso a cuore leggero di andare via dall'Inter - ha concluso Mancini - mi è dispiaciuto molto; quando torni in un posto dove hai vinto speri di rivincere, ma ovviamente ci vuole un po' di tempo". Credo che l'Inter abbia comunque un'ottima squadra, con ottimi giocatori. Quando si pensa di aver fatto il peggior risultato del mondo, è da lì che si pongono le basi per vincere. L'arrivo dell'ex allenatore della Lazio ha segnato la rinascita della squadra, ma nelle ultime settimane i nerazzurri hanno subito un crollo. Volevo rimanere rilassato, ora vediamo che verrà fuori. "Bisogna vedere di chi parliamo, qualcuno c'è ma a volte, come è capitato a me, nel caos societario i dirigenti devono adattarsi alla situazione".