Lombardia, Martina: referendum inutile, Maroni risparmi 46 mln

Lombardia, Martina: referendum inutile, Maroni risparmi 46 mln

"Oggi - ha concluso - sentiròil presidente Zaia e domani annuncerò la data. L'annuncio della data (del referendum sull'autonomia della Lombardia) non ci basta perché il presidente è un campione di 'annuncite': vogliamo vedere il decreto firmato".

Il ministro: "Chieda subito al Governo l'apertura formale del tavolo di lavoro per l'eventuale attribuzione di ulteriori competenze alla Regione secondo l'articolo 116 della nostra Costituzione". Commenta così il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, alla vigilia dell'annuncio per la data del Referendum delle autonomie di Lombardia e Veneto. E' quanto ha anticipato Roberto Maroni, parlando coi giornalisti al salone delle studente. La consultazione popolare dovrebbe riguardare infatti anche la regione guidata dal leghista Luca Zaia, che si sentirà con Maroni. "Nel frattempo abbiamo già fatto la gara per il voto elettronico e il cronoprogramma è chiaro".

Si terrà a ottobre l'annunciato (e contestato) referendum consultivo per l'autonomia della Lombardia. "Speriamo sia la volta buona - spiega il consigliere del M5S Dario Violi - per colpa di Maroni i lombardi hanno perso due anni per ottenere ciò che lo stesso Maroni e la Lega rivendicano, ma non fanno mai nulla per ottenere". "Sono a Catania dove mi dicono: "Dateci l'autonomia vera, non quella di Crocetta" il mio sogno è quello di Gianfranco Miglio, l'unità nel rispetto delle diversità".