Legale Del Grande: detenzione illegale

Legale Del Grande: detenzione illegale

Il legale ha poi aggiunto alcune informazioni riguardo le condizioni del reporter italiano: "da nove giorni Gabriele è in isolamento. Non c'è nessun impedimento giuridico al rimpatrio, è un provvedimento punitivo", ha chiosato l'avvocato. "Gabriele ha avuto anche l'opportunità di incontrare da solo il proprio avvocato". Gabriele "ha comunque l'assistenza di un medico, che io ho richiesto e ottenuto dalle autorità turche", ha detto il ministro, sottolineando che "prosegue il lavoro diplomatico per ottenere il suo rilascio nei tempi più rapidi possibili". Finalmente, dopo 12 giorni di silenzio, arrivano novità dalla Turchia sulla situazione del blogger toscano Gabriele Del Grande, fermato il 9 aprile al confine con la Siria. "Tra i nostri Paesi deve esserci collaborazione e confidiamo nella liberazione di Del Grande", ha detto ieri il premier Paolo Gentiloni. "Spero che il problema sia rapidamente risolto".

Nelle scorse ore è intervenuta anche l'Alto rappresentante di Bruxelles per la politica estera, Federica Mogherini: "Ci siamo coordinati con le autorità italiane fin dal primo momento, come facciamo in casi simili in cui la responsabilità principale è dello stato membro". E' quanto si legge in un comunicato dell'ambasciata turca in Italia sulla vicenda del giornalista Gabriele Del Grande. "Questo sta già accadendo in modo discreto ma, spero, produttivo". "Ankara rispetti la libertà di stampa se vuol far parte dell'Ue", l'avvertimento del presidente dell'Europarlamento Tajani.

Ma l'ansia dei familiari è forte. È chiuso in una cella, ogni giorno viene interrogato e gli è impedito di parlare con l'esterno.

Intanto in Italia la mobilitazione per Gabriele continua.