Lavoro: addio voucher, ritorna responsabilità solidale negli appalti

Lavoro: addio voucher, ritorna responsabilità solidale negli appalti

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 19 aprile 2017, ha approvato definitivamente il provvedimento di conversione in legge del decreto legge n. 25 del 2017 con cui, lo scorso 17 marzo 2017, erano stati abrogati i voucher e ripristinate le vecchie regole in materia di responsabilità solidale negli appalti. Il Sottosegretario di Stato per il lavoro Boba ha negato che il Governo sia ostaggio della CGIL, ha motivato la scelta dell'abrogazione con la necessità di evitare uno scontro ideologico e ha richiamato l'impegno, contenuto nel DEF, a varare una nuova disciplina per il lavoro discontinuo.

"Possiamo esprimere piena soddisfazione per aver realizzato un primo obiettivo parte di un percorso ancora molto ambizioso ed impegnativo che vuole portare il Parlamento a discutere la nostra proposta di legge sulla 'Carta Universale dei diritti del lavoro' e da qui a riscrivere il diritto del lavoro in Italia, compreso il ripristino dell'articolo 18 (la tutela con reintegra sul posto di lavoro nei licenziamenti illegittimi)", aggiunge il segretario. Così come ho sentito dire che il turismo non avrebbe gli strumenti per affrontare il tema della stagionalità. E prevede che il referendum ora non si tenga più: "Ovviamente l'ultima parola spetta alla Cassazione". Quindi osserva: "Senza buoni-lavoro venduti in tabaccheria sarà comunque un Paese migliore...". E il referendum del 28 maggio si allontana definitivamente dall'orizzonte politico, evitando ulteriori guai al governo Gentiloni. Lo afferma Stefano Lepri, vicepresidente del gruppo Pd intervenendo nell'Aula del Senato in dichiarazione di voto.

Alla luce della normativa appena indicata, l'Inps ricorda che per tutti i buoni lavoro per i quali la procedura di acquisto si sia perfezionata entro il 17 marzo 2017 sarà possibile per i datori di lavoro procedere all'utilizzo e alla comunicazione delle prestazioni lavorative, che dovranno essere svolte non oltre il termine ultimo del 31 dicembre 2017.

Di diverso avviso il Presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, che aveva spiegato come "l'abrogazione dei voucher farà perdere opportunità di lavoro a 50mila giovani studenti, pensionati e cassa integrati impiegati nelle attività stagionali in campagna dove con l'arrivo della primavera sono iniziati i lavori".