La triestina Antonia Klugmann giudice di Masterchef al posto di Carlo Cracco

La triestina Antonia Klugmann giudice di Masterchef al posto di Carlo Cracco

"E' ufficiale: la chef stellata Antonia Klugmann è il nuovo giudice di MasterChef Italia, con Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo dovrà giudicare gli aspiranti chef in gara della prossima stagione di MasterChef". Nel 2017 è stata eletta Cuoca dell'Anno dalla guida dei Ristoranti d'Italia dell'Espresso. Ma è anche testimonial di campagne pubblicitarie.

La cucina di Antonia è caratterizzata dal fortissimo legame con il territorio regionale e di confine e l'attenzione per le materie prime, ed è nutrita anche molto dei suoi ricordi e della sua storia personale.

Antonia ha iniziato la gavetta come lavapiatti e cameriera in una buffetteria di Trieste, ove si distinse subito per le sue capacità, tanto che la titolare le affidò il compito di preparare i dolci, offrendole poco dopo la possibilità di entrare come stagista e poi apprendista in un nuovo ristorante a Corno di Rosazzo.

La cucina della Klugmann unisce sapientemente elementi della tradizione e innovazioni creative, con piatti semplici eppure ormai apprezzatissimi tra i palati più fini d'Italia: dal risotto burro e salvia agli spinaci con grappa e ginepro, passando per la coda impreziosita da elementi vegetali e i cannelloni alle cime di rapa e baccalà, la Klugmann si è imposta senza rincorrere sperimentazioni troppo ardite, con un attaccamento agli ingredienti tradizionali che è raro (e prezioso) di questi tempi. La Klugmann colma così il 'vuoto' lasciato da Carlo Cracco, che come è noto ha deciso di prendersi una pausa dal programma in vista del trasferimento del suo ristorante da via Victor Hugo alla Galleria. I suoi piatti nascono spesso dal raccolto di un orto e un frutteto che Antonia cura personalmente. Per Antonia la passione per la cucina è stata un colpo di fulmine arrivato quando frequentava la facoltà di Giurisprudenza a Milano. Curriculum dunque, quanto mai significativo il suo, che dopo l'inattività di un anno dovuta a un incidente stradale, vede Antonia nel 2006, più energica che mai, prendere la decisione di aprire lei stessa un ristorante con il suo compagno Romano De Feo, a Pavia di Udine, l'"Antico Foledor conte Lovaria".

Mentre costruiva il suo nuovo locale, è stata per due anni la chef del ristorante stellato Venissa. Nel 2014 ha aperto L'argine, a Vencò, in provincia di Gorizia, ricevendo nel 2015 la sua prima stella Michelin.