La Regione sbaglia l'ordine del farmaco: arrivate 720 confezioni invece di 90

La Regione sbaglia l'ordine del farmaco: arrivate 720 confezioni invece di 90

E la Regione Toscana si ritrova con medicinali non richiesti per sette milioni di euro. La notizia è stata data dalla stampa locale da cui si apprende che la vicenda è nata da un errore commesso dall'Estar, Ente di supporto tecnico amministrativo regionale che si occupa di acquisti per la sanità regionale.

Un ordine di farmaci sbagliato, sovradimensionato rispetto alle reali necessità. Il farmaco è carissimo e di recente sono entrati in commercio prodotti simili più a buon mercato.

- Il prodotto Sovaldi, a differenza di quanto riportato nell'articolo, risulta ad oggi prodotto ampiamente richiesto dalle aziende sanitarie toscane per la terapia anti HCV (epatite C). La casa farmaceutica ha preso la mancata risposta come la conferma che tutto fosse regolare e ha inviato regolarmente i medicinali. Solo a quel punto Estar ha fatto notare che qualcosa non andava e dichiarato di non avere alcuna intenzione di pagare.

Naturalmente l'esborso per la Regione Toscana è sensibilmente più alto di quello preventivato ed è quindi iniziato un braccio di ferro tra Estar, che non vuole pagare 7 milioni di euro in più, e Gilead, che effettivamente non ha fatto che rispondere a un ordine.

In queste ore, l'Estar "sta definendo con il produttore Gilead Sciences le modalità per una positiva risoluzione del problema, senza alcun aggravio per il sistema sanitario".