Juventus, Allegri: "Dybala stella mondiale. A Pescara con la testa"

Juventus, Allegri:

"Berlusconi e Gallianimancheranno al calcio italiano, hanno fatto un pezzo di storia.Li saluto con grande affetto", ha sottolineatoAllegri, per tre anni e mezzo allenatore dei rossoneri, all'indomani del closing della cessione del Milan. Allegri in conferenza stampa ha annunciato la presenza dall'inizio di Higuain, Mandzukic e Dybala, con la 'Joya' che in chiave calciomercato ha firmato nelle scorse ore il rinnovo fino al 2022 con la 'Vecchia Signora'. Confronto impari tra le due squadre con i bianconeri che sono reduci dalla straordinaria vittoria in Champions con il Barcellona e la vittoria sul Chievo in campionato mentre gli Abruzzesi vengono dai pareggi ad Empoli e con il Milan in casa. Il Pescara sta bene, corre e gioca per dare schiaffi all'avversario. Io gli ho solo dato delle indicazioni, ha ancora ampi margini di miglioramento. La difesa sarà rivoluzionata rispetto alla gara contro Messi e compagni: tra i pali ci sarà Neto, con Lichtsteiner, Barzagli e Asamoah a meno di colpi di scena in campo dal primo minuto.

Mister Zeman affronta probabilmente il nemico numero uno ma lo deve fare con qualche assente di troppo: Gilardino, Bahebeck, Pepe, Vitturini e Bovo sono i sicuri assenti. Le brutte soprese sono vietate, anche se dopo la sbornia di martedì sera contro il Barcellona, i cali di tensione possono essere dietro l'angolo. In quel momento ritenevo giusto fare quella scelta per far esprimere al meglio la squadra. "Quando i ragazzi sono così bravi e disponibili, con valori morali, si ottengono risultati". Chiusura dedicata alla Champions: "Noi favoriti?" "In questo momento è offensivo per Sarri paragonare il Napoli al Barcellona". Come in tutte le cose non bisogna vivere di esaltazione, ma di entusiasmo, di voglia e neanche di depressione quando le cose vanno male, ma ci vuole equilibrio. Abbiamo giocato la prima partita, è andata bene, ma la qualificazione non è acquisita e al Camp Nou servirà una partita ancora migliore. "Dobbiamo essere molto equilibrati, perché questo è la forza di una grande squadra".