Jorginho: "Vogliamo il secondo posto ma dobbiamo pensare solo al Sassuolo"

Jorginho:

Intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss il centrocampista dei partenopei Jorginho ha detto la sua sul momento azzurro e sulla sua condizione fisica: "Stiamo facendo un lavoro eccezionale". La "formula del sorriso" verrà esportata anche a Reggio Emilia contro il Sassuolo: "Loro sono in forma e capaci di metterci in difficoltà - avverte Jorginho - ma noi andremo a Reggio Emilia per vincere perché vogliamo la Champions diretta". Vogliamo la Champions, ma per centrare questo traguardo dobbiamo passare per Sassuolo: dobbiamo vincere! Sto lavorando anche per migliorare in zona gol, non vedo l'ora di poter esultare!

Io cerco di dettare i tempi di gioco e dare equilibrio alla squadra, ognuno di noi ha un compito ben preciso e cerchiamo tutti di farlo al meglio.

"Il lavoro in mezzo al campo non lo fa Jorginho da solo ma è merito di tutta la squadra e di quelli che si smarcano e vogliono il pallone".

LA NAZIONALE - "In questo momento mi sento bene, ma posso e devo ancora crescere: ho 25 anni e si può migliorare anche a 35". Ventura, a differenza di Conte, non lo ha mai convocato: "Ogni calciatore lavora con quell'obiettivo, ma ora penso al Napoli. Lavoro ogni giorno per crescere". Lavoriamo anche per il futuro, stiamo crescendo e vediamo cosa succederà. Il primo mi aiuta più in fase difensiva, il secondo nel tenere palla, ma mi trovo benissimo con tutti e due. Napoli è una città fantastica. Il pensiero non può che essere rivolto alla gara di domenica. Porterò sempre questa città, bellissima e indimenticabile, nel cuore: "qui è nato mio figlio, sappiamo di rappresentare in campo i colori di un'intera tifoseria e questo ti responsabilizza e ti gratifica".