Inzaghi frena: "Non siamo ancora in B"

Inzaghi frena:

Ora abbiamo il Padova che due giornate fa era a -6, adesso e' a -12, mentre penso che il Parma le possa vincere tutte e 5, quindi ci tocca fare l'ultimo sforzo. "Cercavo una societa' che mi desse fiducia e che mi facesse lavorare, ho preteso di portare con me i sei miei collaboratori, perche' sono uno staff da serie A. Qui posso lavorare come facevo nelle giovanili del Milan dove ho vinto e mi sono preso grandi soddisfazioni". Mi ricordo però di quanto mi ha dato il Venezia, queste cose non le dimentico.

"Mi dispiace che non abbia avuto successo dopo il mio addio, mi auguro che possa tornare importante perché il Milan se avrà un numero 9 importante potrà tornare ad essere numero 1 in Italia e in Europa". Rispecchiano veramente la voglia di fare gol.

"Mi auguro che possa fare bene, è un ragazzo che con fiducia potrebbe fare qualcosa di importante, serve pazienza". Simone vola in finale di Coppa Italia con la Lazio, Pippo ipoteca la promozione diretta in B con il Venezia. Sembrava non dovesse allenarla piu', ma lui in estate ha aspettato fino all'ultimo rinunciando anche a richieste di club di Serie A e andando alla Salernitana.

Lunga intervista concessa da Filippo Inzaghi.

A proposito di offerte allettanti: "Quando fai l'allenatore tutte le porte sono aperte". Già l'anno scorso ho rifiutato offerte economicamente importanti dalla Cina, ma a me i soldi non interessano, a me interessa il gioco.