Incidente sulla pista dell'autodromo "Valle dei Templi", muore motociclista cinquantenne

Incidente sulla pista dell'autodromo

Salvatore Migliazzo, 50 anni, palermitano è morto nel corso delle prove libere con la sua moto all'autodromo "Valle dei Templi" di Racalmuto, in vista della Trinacria Cup.

Una giornata di allenamento in pista trasformata in tragedia all'autodromo "Valle dei Templi" di Racalmuto, ad Agrigento.

L'uomo - residente nella zona di Montegrappa nel capoluogo siciliano - era in sella alla sua Yamaha R1 quando, lungo il circuito, all'improvviso, per cause che dovranno essere accertate e ricostruite dai carabinieri, ha perso il controllo della motocicletta che sarebbe carambolata su se stessa finendogli - stando a quanto è stato ufficializzato dai carabinieri - addosso.

Subito ci si è resi conto che il cinquantenne aveva riportato ferite gravissime. I sanitari del 118 intervenuti hanno cercato di rianimarlo, ma per il motociclista non c'è stato nulla da fare. Salvatore Migliazzo è deceduto per sospetta perforazione polmonare a seguito della frattura del costato.

Il 50 enne, che svolgeva la professione di idraulico, conosciuto e stimato anche nell'Agrigentino, è stato trasportato all'ospedale San Giovanni di Dio, dove è stata allestita la camera ardente. Presente a 12 edizioni del campionato regionale, Migliazzo nell'ambiente era conosciutissimo. Ma Totò, come era chiamato dagli amici, aveva preso parte a diverse gare nazionali anche nei circuiti del Mugello e Vallelunga. Una passione coltivata già dai primi anni Ottanta. Ma purtroppo tutti i tentativi di sono rivelati inutili. Un esperto delle due ruote.