Il benservito di Napoli fa arrabbiare Higuain, bacio ironico ai tifosi

C'era una volta un argentino di nome Gonzalo che con la maglia azzurra del Napoli cantava "un giorno all'improvviso mi innamorai di te ed oggi come allora difendo la città".

NAPOLI JUVENTUS: DOVE VEDERE LA PARTITA IN DIRETTA TV - Napoli Juventus, valida per la semifinale di ritorno di Coppa Italia 2016-2017, sarà trasmessa in chiaro per tutti sulla televisione di stato, più precisamente su Rai Uno.

Avrei voluto aprire il pezzo legato al post- partita tra Napoli e Juventus così, con un umore diverso però.

Il primo atto della doppia sfida tra Napoli e Juve se lo aggiudica l'equilibrio: termina 1-1 il big match della 30a di campionato, in un San Paolo strapieno e concentrato sui fischi al grande ex Higuain.

Si sapeva che la partita Napoli-Juventus sarebbe stata una partita molto complicata egli spalti, la poco affettuosa accoglienza riservata all'ex Higuain, ed in campo con un Napoli molto ben messi in campo, quasi sempre concentrati ed in grado di mostrare il meglio anche nelle situazioni più complicate.

Due scuole di pensiero differenti, due modi di interpretare il gioco del calcio che ha voluto premiare una volta tanto quelli che divertono pur non vincendo. In partite così, non riuscire a segnare quando se ne presenta l'occasione poi vuol dire non segnare affatto. Il polacco è rimasto in panchina perché Strinic e Hamsik hanno chiesto il cambio ma era stato tenuto in considerazione già ieri sera nel tentativo di avere maggiore presenza in area di rigore. "Sarà poi il tempo a giudicare".

NAPOLI (4-3-3): 1 Rafael C.; 2 Hysaj, 33 Raul Albiol, 26 Koulibaly, 31 Ghoulam; 20 Zielinski, 42 A. Diawara, 17 Hamsik; 7 Callejon, 99 Milik, 24 L. Insigne. Tuttavia nella prima parte di gara non riesce a trovare gli spazi per le sue classiche verticalizzazioni in zona centrale dato che la Juventus porta in quella zona del campo molta densità. Gli ultrà vanno cancellati. "Lo dimostra quello che succede ovunque, contestazione su contestazione, violenze su violenze".

Quando una squadra rimane due mesi senza fare punti, in qualsiasi circostanza si trovi è destinata a perdere parecchie posizioni. Insieme, le ultime tre in classifica hanno vinto nove partite dall'inizio della stagione.

"Con l'umiltà di chi fa i piccoli passi, si corre". Grazie alla vittoria di ieri contro il Chievo, il Crotone ora è la squadra nella miglior condizione per poter tirarsi fuori dalla zona retrocessione.