Google lancia PAX: l'obiettivo è condividere le licenze di Android

Google lancia PAX: l'obiettivo è condividere le licenze di Android

Mai termine fu più azzeccato per tentare di riappacificare le realtà che si trovano a operare nell'ambito tecnologico quando si parla di brevetti.

PAX, in latino "pace", aiuterà i membri che "si concedono reciprocamente licenze di brevetti royalty-free su applicazioni Android e Google all'interno di dispositivi qualificati".

Si tratta di PAX, che si pone l'obiettivo di mettere fine alle guerre di brevetti, almeno per quanto riguarda le tecnologie software legate ad Android e alle applicazioni Google. Il progetto Networked Android Cross-License di Google permette di migliorare il lavoro delle varie aziende, liberandole da tutte le limitazioni (legali e non) che le guerre dei brevetti regolarmente hanno generato e generano.

See si somma però la spesa per le applicazioni sul Play Store (il negozio ufficiale di Google) e sulle piattaforme di terzi (i negozi di app di Huawei, Xiaomi e Baidu ad esempio), quest'anno per la prima volta le entrate dalle app Android saranno maggiori di quelle della Mela morsicata. Il sistema operativo di Mountain View, del resto, è già una piattaforma open-source che registra numeri impressionanti coinvolgendo oltre 400 produttori e 500 operatori che solo nell'ultimo hanno sono riusciti a realizzare più di 4000 dispositivi con oltre 1.6 miliardi di utenti attivi. E' per questo che Google ha deciso di lanciare un progetto piuttosto interessante per mettere fine a questi episodi. Le aziende che si uniranno a questo progetto, in pratica, daranno l'assenso affinché i brevetti condivisi possano essere utilizzati anche da altre compagnie senza che vi sia alcuna citazione in giudizio.

Per le aziende interessate sul sito paxlicense.org è possibile fare domanda per partecipare al gruppo.

È per questo motivo che annunciamo la nostra iniziativa di licenze relativi ai brevetti focalizzata sulla condivisione e sulla collaborazione: l'abbiamo chiamata PAX. "E meglio ancora, è gratuito aderire e aperto a chiunque".