F1 Russia, Hamilton: "Attaccherò come sempre"

F1 Russia, Hamilton:

Nella conferenza stampa del Gran Premio di Russia di F1 a Sochi abbiamo visto un Kimi Raikkonen davvero molto determinato nelle sua dichiarazioni... da vero uomo squadra. "Il feeling generale comunque è stato abbastanza buono, quindi dobbiamo cercare di fare meglio al sabato per poi sfruttare la nostra velocità in gara".

Infine le parole di Pascal Wehrlein, pilota della Sauber che, dopo aver smaltito l'infortunio, ha preso nuovamente il posto dell'italiano Antonio Giovinazzi: "Felice del primo mio weekend, è andato bene".

In Formula 1 si gioca sempre con largo anticipo quando si parla di mercato piloti. In Bahrain c'è stata una grande differenza di passo tra me e Lewis ma questo è dovuto per via di strategie e mescole diverse, tutto questo mi ha fatto fare una brutta figura. Sulla carta questa è sempre stata una pista favorevole alla Mercedes, e mi aspetto che saranno molto competitivi.

Adesso la palla passa a Kimi che deve dimostrare di non essere secondo a nessuno, anche perché servono anche i suoi punti in ottica costruttori. Poi, ricordiamoci che l'anno scorso da metà stagione in poi la Red Bull, che era dietro la Ferrari, ha fortemente rimontato, vincendo anche delle gare. "Se guardiamo alla passata stagione, io stesso ho avuto alcune gare nelle quali non sono riuscito a trarre il meglio dalla vettura, si tratta di alti e bassi, che al termine della stagione solitamente si equivalgono".

"Credo che nelle prime tre gare non abbia raccolto quanto avrebbe meritato, nell'ultima corsa c'è stato il problema della partenza, altrimenti sono sicuro che sarebbe salito sul podio". Con Valtteri abbiamo parlato dopo la gara, tutti insieme con la squadra, per evitare che ci fossero incomprensioni o si lasciasse che ci fossero dubbi o cose non dette prima della gara successiva. La Mercedes soffre sicuramente la Ferrari perché non ha mai avuto una vera concorrenza negli ultimi anni: è normale che quando trovi un rivale come la odierna Ferrari cominci a soffrire. Sul podio vedo due Mercedes ed una Ferrari, non so dire in che ordine, con una possibile incursione di Verstappen in caso di gara fortunata. "Se però dovessimo arrivare verso la fine dell'anno e uno dei due non avesse più chance, è ovvio che proverebbe a dare una mano all'altro".