F1: arrestato a Londra il proprietario della Force India Vijay Mallya

F1: arrestato a Londra il proprietario della Force India Vijay Mallya

Il proprietario e team principal della Force India, il magnate Vijay Mallya, è stato arrestato questa mattina a Londra da Scotland Yard a seguito di una richiesta di estradizione del governo indiano. Il 61enne di Calcutta è stato rilasciato poche ore dopo su cauzione.

Mallya aveva lasciato l'India nel marzo 2016, dopo che una cordata di 17 banche aveva presentato ai tribunali indiani una denuncia nei sui confronti per il mancato saldo di debit, i per una somma pari a circa 1,3 miliardi di dollari.

Si tratta dunque solo del primo passo di una battaglia legale che si annuncia come lunga e complessa: perché il tycoon indiano dispone anche di un passaporto britannico, che gli concede una relativa tutela (e vari gradi di giudizio a cui appellarsi per rimandare il più possibile il rimpatrio). L'attaccante del Palermo Ilija Nestorovski ha festeggiato la sua doppietta in Liechtenstein-Macedonia con il gesto del volante, proprio in onore della Force India, mentre la squadra indiana di Formula 1 ha utilizzato le magliette ufficiali del Palermo Calcio per tutti gli uomini nel boxe durante il Gran Premio di Melbourne.

Mallya nel pomeriggio dovrà apparire davanti alla Magistratura di Westminster, in quanto nell'iter processuale per l'estradizione è prevista la possibilità di una misura cautelare per consentire all'imprenditore di presiedere ad un'udienza prima che venga presa una decisione in merito al suo ritorno in patria.