Ecco le previsioni per i giorni di Pasqua

Ecco le previsioni per i giorni di Pasqua

Previste in calo e piu' fresche dalla domenica di Pasqua.

"Leggo sui giornali che le direzioni dei supermercati e dei centri commerciali di Padova e del Veneto avrebbero deciso, con qualche eccezione, di tenere giù le serrande nella giornata di Pasqua". Le massime le vedremo nel pomeriggio quando ci saranno circa ventiquattro gradi in provincia di Firenze.

Chi si organizza per andare al mare, chi sui prati e monti, le previsioni meteo rimangono tra le ricerche più digitate su Google. Le temperature di Domenica, infine, varieranno dagli 8 gradi di Aosta in mattinata ai 23 pomeridiani di Roma. Al sud va segnalata una situazione di nuvole e schiarite invece su tutta la Sicilia. Durante le ultime ore del giorno tuttavia, il cielo tenderà a schiarirsi.

Bassa pressione dunque in arrivo a partire da Ovest con correnti Nord-atlantiche che portano piogge in pianura e la neve che, a sorpresa, torna sulle Alpi e anche sugli Appennini, pure a quote collinari al Centro.

Pasquetta è per eccellenza la feste della gita fuori porta, accompagnata da un simpatico pic nic nei parchi più belli della città - ove ovviamente sia possibile - oppure in campagna e nelle aree attrezzate, o magari in agriturismo. Gli ipermercati Carrefour e i negozi Pam Panorama saranno aperti a Pasquetta. Ecco, di seguito, i nostri consigli su cosa fare nella Capitale domenica 16 e lunedì 17 aprile 2017 con amici e parenti, per festeggiare la Resurrezione di Gesù e il Lunedì dell'Angelo all'insegna del buon cibo, del divertimento e del relax. Le temperature sono in aumento con al Sud in particolare caldo estivo soprattutto sulle isole maggiori. Poco nuvoloso su gran parte dell'Italia.

E lunedì come sarà il tempo, è salva la scampagnata di Pasquetta? . "Una certa variabilità potrebbe caratterizzare anche la giornata di Pasquetta". Una perturbazione più consistente dovrebbe invece rovinare il weekend di Pasqua, con precipitazioni più frequenti al Nord, Adriatiche e rilievi appenninici. Questo perché l'Italia potrebbe essere lambita da una circolazione fredda balcanica, ma che per via della vicinanza anticiclonica qui in Sardegna avrebbe effetti del tutto marginali.