Corea del Nord, Pence: "Finita la pazienza". Seul dispiega lo scudo

Corea del Nord, Pence:

L'era della pazienza strategica degli Stati Uniti verso la Corea del Nord è finita e tutte le opzioni per contrastare il regime di Pyongyang sono sul tavolo.

Il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, ha visitato la zona demilitarizzata (DMZ) che separa le due Coree in un momento di massima tensione con il Nord a causa dei suoi test militari ripetuti.

Ancora nessuna reazione ufficiale da Washingtonanche se il presidente Donald Trump, che sio trova nel suo resort a Mar-a-Lago in Florida e' stato avvertito. "Perchè dovrei chiamare la Cina un manipolatore di valuta quando sta lavorando con noi sul problema nordcoreano". "Il messaggio del popolo degli Stati uniti è che vogliamo la pace, ma l'America ha sempre cercato la pace attraverso la forza e il mio messaggio oggi, davanti alle forze Usa in Corea, davanti ai coraggiosi soldati deel Repubblica di Corea, è di fermezza". E' il consigliere per la sicurezza Nazionale Usa HR McMaster a confermarlo dopo il lancio missilistico fallito di Pyongyang. Il presidente Usa ha fatto una campagna elettorale ispirata a un isolazionismo sovranista, che sembra ora superato da un ruolo più attivo cercato su diversi dossier della politica internazionale. Il vicepresidente, che e' accompagnato dalla moglie e dalle due figlie maggiori, vedra' il premier sudcoreano Hwang Kyo-ahn, che svolge le funzioni presidenziali, dopo l'impeachment della presidente Park Geun-hye in attesa delle elezioni di maggio. In questo senso il premier giapponese ha auspicato che in aggiunta al ruolo svolto da Seul e Washington, anche la Cina eserciti la sua influenza sull'alleato regionale.