"Chiamata persa", il nuovo pericoloso virus di WhatsApp

Gli esperti di sicurezza informatica di Eset avvertono: su WhatsApp viaggia una mail che nasconde un trojan.

Il pericolo arriva da un'email contenente un messaggio spam inviato agli utenti irlandesi con "presunto" mittente WhatsApp (servizio che ovviamente è estraneo alla vicenda) e oggetto "Messaggio vocale perso": all'interno sono presenti soltanto le parole "New voice message" e "Play" (quest'ultima con un link). Secondo le informazioni disponibili, un messaggio particolarmente insidioso si sta diffondendo tra gli utenti di WhatsApp in Irlanda.

In realtà, a differenza degli altri casi, in questa vicenda WhatsApp non è coinvolta direttamente, anzi sarebbe anch'essa vittima avendo il proprio nome associato a un virus e ad una truffa. Non si tratta infatti di un contenuto innocuo ma di un virus di tipo trojan pronto a infettare il dispositivo mobile in cui viene scaricato silenziosamente una volta che viene aperta l'e-mail.

Non appena il messaggio viene avviato, viene installato un codice infetto che espone l'utente all'azione di un malware che infetta il dispositivo e, oltre a rubare i dati sensibili, può anche portare all'installazione di ransomware che possono criptare il contenuto del terminale, chiedendo quindi al proprietario il pagamento di una somma di denaro per ottenere di nuovo l'accesso al dispositivo. Ma in che modo?