Champions League, Juventus-Barcellona 3-0: bianconeri devastanti allo Stadium, Barcellona annichilito

Questa sera lo Juventus Stadium si vestirà a festa per la gara d'andata dei quarti di finale di Champions League.

Con un profilo basso, nonostante la schiacciante vittoria: "Sono cosciente che i ragazzi hanno fatto una bellissima partita, anzi è stata una bella partita da entrambi le parti".

"Non so dire se la percentuale di passare il turno è salita, non dico numeri - ha proseguito il tecnico bianconero -, ma la tecnica e la fisicità della Juventus fa ben sperare, tutti partecipano al gioco, ma andiamo là per fare gol e non solo per difendere".

Il primo confronto risale all'1970/71 con la Juventus che vince sia all'andata che al ritorno 2-1, nel 1985/86 invece è il Barça ad avere la meglio vincendo 1-0 all'andata e pareggiando 1-1 al ritorno.

Buone notizie per Massimiliano Allegri: il riposo forzato di Mario Mandzukic ha dato i suoi frutti, il croato recupera e dunque, salvo ricadute dell'ultima ora, sarà in campo a prendere il suo posto di finto esterno nella linea dei trequartisti. Il giocatore non è ancora nel giro della prima squadra ma ha fatto vedere le sue qualità con le giovanili del Flamengo e della Nazionale brasiliana.

In Spagna l'Atletico attende sui campi natali il Leicester, le cui previsioni sono davvero poche rosee: la vittoria della squadra inglese infatti è data a 11,25 rispetto all'1,33 dei padroni di casa, con risultato parziale/finale dal primo tempo fino alla fine del match a loro favore (1,92) e Greizman primo marcatore a 4,00. Senza il suo perno centrale, e con la coperta corta a centrocampo, Luis Enrique potrebbe destinare Mascherano al suo ruolo originario di "volante"; in questo caso a fare compagnia a Piqué nel reparto centrale della difesa sarebbe Umtiti (già visto nella grande rimonta contro il Psg), mentre sulle fasce non ci saranno sorprese con Sergi Roberto a destra e Jordi Alba schierato dall'altra parte. Ovviamente in avanti non potrà mancare la MSN, con Messi - Suarez - Neymar a provare a scardinare una delle difese europee più forti.