Cassano: "Verona, Bologna e Udinese mi intrigano. Sampdoria? Ecco la verità"

Cassano:

Mi alleno ogni giorno per restare in forma. Soprattutto non prendere peso. Voglio ripartire tra un paio di mesi perché lo stimolo è forte e voglio tornare a volare.

L'ex Sampdoria ha dichiarato di vedere anche l'Hellas come possibilità per il suo futuro, dove troverebbe di nuovo Pazzini come compagno di reparto: "Sono molto ottimista e sicuro al 100% che tornerò".

Queste le parole di cassano sul futuro e su una possibile nuova squadra: "Sto valutando dove andare, ho un po' di situazioni in ballo, ma certamente sarà in Italia e non all'estero". Il Verona in Serie A mi intriga moltissimo. "Portare l'Entella in serie A sarebbe l'unico miracolo che posso ancora compiere per chiudere il cerchio della mia carriera". Entella? È l'unica eccezione per cui accetterei la Serie B. Ho un rapporto di grande amicizia, stima e affetto con il presidente Gozzi. La serie A la guardo poco. Pochi hanno il mio numero. Per come mi hanno trattato dopo, sono contento che la storia si sia chiusa definitivamente. Ho dato tutto per la Sampdoria fino a quando non ho litigato con la dirigenza. Ferrero? Un giorno ti dice una cosa, il giorno dopo te ne dice un'altra: non posso avercela con uno così. Romei, che secondo me è il vero presidente della Samp, per me un pochino c'entra. "Cercava una mia reazione e l'ha avuta e l'ho pagata sulla mia pelle, come sempre". "Non ho chiarito e non mi interessa farlo però". Ancora oggi mi fermano in tanti per la strada, per ringraziarmi. "In mezzo, tanto io ci finisco sempre in mezzo". Ai tifosi che mi criticano attraverso i social gli dico di andarsi a rivedere quello che ho fatto nei 3 anni con loro.