Biotestamento, la Camera approva Ora il testo passa al Senato

Biotestamento, la Camera approva Ora il testo passa al Senato

MORTE PER FAME E SETE" "La Camera ha approvato il disegno di legge sulle Dat. Noi ci siamo opposti con tutte le nostre forze perché con esso vuole fare entrare nel nostro ordinamento giuridico l'eutanasia e vi entra nel modo più barbaro: la morte per fame e per sete.

C'è il divieto di accanimento terapeutico, si dispone che nessuna terapia possa essere iniziata o proseguita se non c'è il consenso del paziente, si dice no all'abbandono terapeutico anche per il paziente che rifiuta le terapie (il che significa garantirgli le cure palliative), nutrizione e idratazione artificiali vengono considerate come trattamenti sanitari passibili dunque di essere sospesi come qualunque altra cura.

Via libera dell'Aula della Camera al primo articolo della proposta di legge sul testamento biologico. Hanno osteggiato il provvedimento fino alla fine, invece, la Lega Nord, Forza Italia, con un'unica defezione di Stefania Prestigiamo, e soprattutto l'alleato di governo Alternativa popolare.

La questione dell'obiezione di coscienza per il medico - che, a differenza di quella prevista dalla legge 194 sull'interruzione di gravidanza, deve comunque essere dichiarata caso per caso e non a priori - è stata di fatto stata inserita, anche se controbilanciata dal nuovo comma 9 art.1: "Ogni struttura sanitaria pubblica o privata garantisce con proprie modalità organizzative la piena e corretta attuazione dei princìpi di cui alla presente legge". A votare in dissenso dal gruppo Fabrizio Cicchitto. Come Associazione Luca Coscioni vogliamo però mettere in guardia anche dalle potenziali trappole nell'effettiva applicazione della legge per come è ora formulata.