Asili nido, al via il bonus di 1.000 euro

Asili nido, al via il bonus di 1.000 euro

Arriva a conclusione l'iter normativo per l'ufficializzazione del Bonus Nido, ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale insieme al DPCM 17 Febbraio 2017 che ne detta le regole.

La misura consiste in un buono di mille euro su base annua, erogato direttamente al genitore richiedente con cadenza mensile per undici mensilità (circa 90,9€ al mese), per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati di ciascun bimbo nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in poi.

Potrà chiedere il contributo - che si può chiedere per le rette pagate da quest'anno per i figli nati o adottati dal 1° gennaio 2016 - soltanto il genitore che sostiene l'onere della retta e che sia convivente con il figlio.

Diciamo "finalmente", perché il decretodel presidente del Consiglio dei ministri con le indicazioni operative, che la legge di bilancio chiedeva di emanare entro il 30 gennaio, è stato pubblicato solo in questi giorni sulla Gazzetta ufficiale.

Il genitore richiedente deve essere residente in Italia e avere cittadinanza italiana, di uno Stato membro UE oppure essere in possesso di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. In tal caso l'importo verrà corrisposto direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l'intero anno di riferimento, l'impossibilita' del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

Per il 2017 i benefici sono riconosciuti nel limite massimo complessivo di 144 milioni di euro.

All'interno del Decreto è introdotto anche un beneficio per l'assistenza domiciliare per i bambini affetti da gravi patologie: anche in questo caso, si tratta di un contributo di massimo mille euro annui, "per favorire l'introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini al di sotto di tre anni impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche". 1, co. 335 della legge finanziaria 2006, successivamente prorogata con riferimento ai successivi periodi di imposta.

Nel tempo in cui l'Inps preparerà la circolare con le modalità per presentare domanda (come previsto dal decreto obbligatoriamente in via telematica), i genitori in possesso dei requisiti che intendono fare richiesta del Bonus Nido 2017 possono cominciare a preparare la documentazione da presentare.

Il termine per la presentazione delle domande è il 31 dicembre 2017 e il beneficio sarà erogato entro il limite di spesa stanziato, secondo l'ordine di presentazione delle istanze. In ogni caso, qualora, a seguito delle domande presentate, sia stato raggiunto, anche in via prospettica, il limite di spesa sopra indicato l'INPS non potrà prendere in considerazione ulteriori domande di accesso al beneficio.