Un sentenza dichiara leciti i siti con streaming di film

Un sentenza dichiara leciti i siti con streaming di film

Il Tribunale di Frosinone infatti ha emesso una sentenza che a sua volta ha annullato una sanzione di quasi 600 mila Euro a carico dei gestori di alcuni siti web che consentivano di vedere film in streaming online.

Rimane il discorso del lucro da parte del gestore del sito, tramite la presenza di banner pubblicitari.

Da quanto si apprende, i siti in questione, pur ospitando link di streaming e banner pubblicitari, non avrebbero ottenuto un diretto guadagno dallo sharing di link di film e musica. La condivisione di file protetti da copyright viene inoltre considerata "un risparmio di spesa e non un'attività con finalità di lucro", ha specificato Sarzana commentando la sentenza del Tribunale. Motivo per cui, "le disposizioni penali sul diritto d'autore e le conseguenti sanzioni amministrative, non possono essere applicate", conclude l'avvocato Sarzana. È il fine di lucro il reato, quindi, il requisito essenziale, ma deve essere dimostrato che lo stesso sia legato alla visione del film con un "guadagno economicamente apprezzabile, e non un risparmio di spesa". Ed a assestare il colpo è una sentenza clamorosa emessa dal Tribunale di Frosinone. Nella pratica al momento non lo sappiamo, fatto sta che gli esperti contattati da Repubblica.it sono entusiasti dell'esito della sentenza, definendola rigorosa e rivoluzionaria nella lotta alla pirateria in Italia.