Torino, Cairo: "Belotti sta benissimo qui. E io voglio investire"

Torino, Cairo:

Intorno al 'Gallo' si sprecano gli elogi, quelli di Cairo in primis, che si pente di aver inserito una clausola giudicata troppo bassa rispetto all'attuale valore dell'attaccante. I granata hanno tutte le carte in regola per battere i rosanero. E' l'erede di Christian Vieri, anche se del Bobone Nazionale non ha l'atteggiamento fuori dal campo e la sua vita social.

"Il titolo di capocannoniere?"

Match delle 15:00 tra Torino e Palermo per la 27a giornata di Serie A. Rosanero a caccia di punti preziosi per una salvezza che sa di impossibile vista la stagione molto deludente, il Torino per continuare a migliorarsi e sperare di rientrare nella lotta per l'Europa che al momento è molto difficile. Cairo, oggi a Roma per le elezioni federali, sottolinea le qualità del giocatore: "È un ragazzo umile, che ha voglia di far bene e ha grande voglia di imparare e migliorarsi".

Torino (4-3-3): Hart 6; Zappacosta 6, Rossettini 6, Moretti 6.5, Barreca 6; Gustafson 6 (61′ M. López 6.5), Lukić 6.5, Baselli 6.5; Falque 5.5 (72′ Iturbe 6), Belotti 8.5, Boyé 5 (46′ Ljajić 7). I gol subiti sono evitabili, dovevamo avere maggiore attenzione. Grazie - ovviamente - al solito Belotti. Mihajlovic? Certo che rimane.

"Ringrazio i miei compagni che ancoraoggi mi hanno fornito tre splendidi assist". Poi ci vuole anche Belotti che sia d'accordo. Gli azzurri lo hanno pagato 18 milioni di euro, per una quindicina potrebbero scaricarlo (ingaggio sempre nell'ordine del paio di milioni di euro). E contro chiunque: non solo le triplette contro Bologna e Palermo, non solo le doppiette contro le pericolanti Crotone e Pescara, ma anche sigilli illustri. Grande con le piccole, ma grande altrettanto con le big del campionato. Per il prossimo futuro, è logico che il Torino riceverà le offerte di grandi club: bisognerà vedere cosa avrà intenzione di fare la società, se mettere su una squadra ancora più competitiva, costruita su Belotti e sui suoi gol.