Settimana del glaucoma, visite e consulti al Campo di Marte

In occasione della Giornata Mondiale del Glaucoma e della Giornata Mondiale della Salute, che si celebrano rispettivamente i prossimi 12 marzo e 7 aprile, Clinica Baviera (www.clinicabaviera.it), Istituto Oftalmico Europeo riflette sull'importanza della prevenzione in ambito oculistico, realizzando controlli gratuiti per la valutazione della capacità visiva e soprattutto per la prevenzione del glaucoma.

Iniziative gratuite a Potenza e Matera per tutelare la vista. Una pressione oculare elevata è una minaccia per gli occhi. Il glaucoma è una malattia molto frequente, che colpisce il nervo ottico. "Previeni il glaucoma", che quest'anno vedrà Ricky Tognazzi testimonial d'eccezione della campagna sociale Mediafriends in onda su tutte le reti Mediaset proprio nella settimana dal 12 al 18 marzo, la sezione territoriale U.I.C.I. Per questo la Iapb Italia onlus organizzerà check-up oculistici gratuiti in appositi ambulatori, conferenze informative e la distribuzione di opuscoli gratuiti nelle principali città italiane.

Una semplice visita oculistica consente di diagnosticare il glaucoma in fase iniziale e di adottare le terapie farmacologiche per contrastarne gli effetti.

"Ritengo assolutamente importante, - sostiene, il Presidente Luciana Loprete, - aderire a queste attività di sensibilizzazione e prevenzione, prima perché prevenire significa far stare bene a lungo le persone in quanto una malattia oculare identificata in tempo è curabile, mentre identificata tardi è solo fonte di rimorso e di danni irreparabili, e poi perché l'attività di prevenzione rende più sostenibile il nostro sistema sanitario impiegando le risorse risparmiate in cure molto più urgenti e necessarie per molti, lasciando spazio alla ricerca". E' necessario, pertanto, sottoporsi con regolarità a controlli oculistici, specialmente in presenza di fattori a rischio quali l'età e precedenti familiari.

I numeri del "ladro della vista". Secondo l'OMS nel mondo ne sono affette circa 55 milioni di persone e 25 milioni circa sono quelle che hanno perso la vista del tutto o in parte.