Ruby ter: Berlusconi avrebbe versato 400 mila euro a tre ragazze

Ruby ter: Berlusconi avrebbe versato 400 mila euro a tre ragazze

Chiuse le indagini dell'ultimo troncone del cosiddetto caso Ruby ter. La procura di Milano, in vista della richiesta di rinvio a giudizio, ha chiuso le indagini sulla "corruzione in atti giudiziari" a carico del leader di Forza Italia, e di altre tre giovani, Aris Espinosa, Elisa Toti e Giovanna Rigato. Già nel gennaio scorso, Berlusconi è stato di nuovo iscritto nel registro degli indagati, aprendo di fatto il procedimento "Ruby quater", palesando che i problemi giudiziari dell'imprenditore sono lungi dal terminare.

I pm hanno anche chiesto e ottenuto la restituzione dei fascicoli alle procure di Monza, Treviso e Pescara, dov'erano stati traferiti per competenza territoriale dal giudice dell'udienza preliminare del processo Ruby ter le posizioni di Elisa Toti e Aris Espinosa, Miriam Loddo e Giovanna Rigato. Giovanna Rigato, sentita più volte dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio, titolari dell'inchiesta, avrebbe invece ricevuto in cambio del suo silenzio somme di denaro pari a circa 60mila euro in contanti, consegnati sempre dal ragionier Spinelli, oltre a un bonifico da 10mila euro e dei contratti con Mediaset per gli anni 2012 e 2013. La Toti avrebbe incassato bonifici per 16 mila euro, un assegno circolare da 25 mila euro e contanti per 27 mila euro.