Presentazione Nuovo Stadio: segui la diretta testuale su Fiorentinanews.com

Presentazione Nuovo Stadio: segui la diretta testuale su Fiorentinanews.com

"Ci manca solo un trofeo, ma con il nuovo stadio magari cambieranno anche gli obettivi".

La Fiorentina ha presentato ufficialmente a Palazzo Vecchio il progetto del nuovo stadio. Lo stadio non sarà una cattedrale nel deserto, ma ci saranno dei miglioramenti della viabilità con la nuova tramvia, l'ampliamento dell'aeroporto, una nuova stazione in viale Guidoni: insomma, si potrà arrivare allo stadio in treno, in tramvia, in auto, in aereo e in bicicletta come in tutte le città europee.

I lavori del nuovo stadio della Fiorentina partiranno nella seconda meta' del 2019, per un costo di 420 milioni di euro.

Il modello è almeno per l'interno quello dello stadio Matmut-Atlantique di Bordeaux (con la sua quasi infinita serie di scalinate verso le poltroncine), all'esterno invece si ispirerà all'Allianz Arena di Monaco. Via le barriere, affinché il calore del pubblico regali spettacolo e punti. Anche in città importanti come Napoli, Roma, Torino oltre lo Stadium bianconero. Altro dettaglio da non trascurare: i sostenitori del team toscano non dovranno più andare allo stadio con l'ombrello al seguito. In tutto saranno 48 ettari perché la parte più interessante dell'investimento saranno le superfici accanto - il vecchio mercato ortofrutticolo - per 77mila metri quadri, di cui almeno 50 mila a carattere commerciali. Ancora, Wi-Fi per tutti; un ristorante panoramico sul terreno di gioco nella Tribuna Est; 48 palchi per i giornalisti nella Tribuna Ovest.

Per poter vedere la Fiorentina giocare nel nuovo stadio, i tifosi viola dovranno pazientare però ancora degli anni. Erano presenti in conferenza per esporre e illustrare i temi del progetto e contestualmente per rispondere alle domande dei giornalisti presenti, il patron della Fiorentina, Andrea Della Valle, il presidente esecutivo Mario Cognigni, il Sindaco di Firenze, Dario Nardella, e l'assessore allo Sport del comune di Firenze, Andrea Vannucci. Purché siano rispettati i tempi annunciati e non sorgano impedimenti. "Si tratta di un'opera che resterà alla città".