Mass Effect Andromeda: È caccia al colpevole delle "bizzarre" animazioni facciali

Mass Effect Andromeda: È caccia al colpevole delle

Durante il lunghissimo gameplay è stato mostrato il protagonista del gioco, Scott Ryder, che si trova a dover vivere le proprie avventure sul pianeta radioattivo Eos.

La ricerca è ricaduta su una donna che, secondo le fonti, sarebbe stata ingaggiata da BioWare solo per la sua notorietà come cosplayer e priva di qualsiasi esperienza come lead facial animator. I numeri possono ancora essere dallo loro parte, ma solo perché hanno accumulato un vantaggio commerciale enorme, in potenza già scricchiolante sui budget più alti. Questi report sono falsi. Rispettiamo le opinioni dei giocatori e della community e accettiamo il feedback riguardo ai nostri giochi.

In questi giorni, prima che fosse tolto definitivamente il velo sulla qualità di Mass Effect: Andromeda, un vero e proprio putiferio si è scatenato intorno alla presunta lead facial designer del gioco, tale Allie Rose-Marie Leost, il cui ruolo nel progetto è stato invero smentito da BioWare, pur nel merito di un comunicato dal tono diversamente interpretabile. "Attaccare un individuo, però, a prescindere dal suo coinvolgimento nel progetto, non è mai accettabile". In realtà la ex dipendente lavorava in Electronic Arts ed è stata ricoperta di insulti, anche sessisti, per il lavoro svolto.