Il rapimento Moro 29 anni faCommemorazione in via FaniMinniti depone una corona

Il rapimento Moro 29 anni faCommemorazione in via FaniMinniti depone una corona

L'auto, tuttora di proprietà della Polizia di Stato, che giace in stato di profondo abbandono ed incuria in un deposito a Roma, rappresenta il sacrificio di uomini dello Stato: restaurarla significherebbe recuperare la memoria storica di un evento tragico del nostro tempo oltre che renderla visibili ai cittadini ed alla nuove generazioni.

Monreale ancora oggi ricorda la figura di Aldo Moro nella sua toponomastica, con la via omonima e con la via "XVI marzo eccidio di via Fani", dedicata appunto ad una delle pagine più nere della storia contemporanea della Repubblica.

E' il 16 marzo del 1978, giorno della presentazione del nuovo governo guidato da Andreotti, quando le Brigate Rosse rapiscono Aldo Moro in quello che passerà alla storia comel' agguato di via Fani. Presente anche una delegazione del Pd guidata dal capogruppo Ettore Rosato. Dopo una prigionia di 55 giorni il corpo di Aldo Moro fu ritrovato il 9 maggio nel cofano bagagli di una Renault 4 a Roma, in via Caetani. Durante i cinquantacinque giorni di prigionia, Moro scrisse diverse lettere ai familiari, nonchè alla Democrazia Cristiana ed ad altri esponenti politici, sulle quali per anni si è aperto un dibattito circa l'autenticità. Vengono elencate le responsabilità politiche dello statista.