Il permesso - 48 ore fuori: tornano Amendola e Argentero

Il permesso - 48 ore fuori: tornano Amendola e Argentero

Luca Argentero e Claudio Amendola, in questo caso regista oltre che attore, si sono raccontati a #corrierelive (conduceva Tommaso Labate, in studio Stefania Ulivi) in vista dell'arrivo del film griffato da Giancarlo De Cataldo.

Claudio Amendola dimostra una notevole capacità nella gestione della struttura narrativa creando un incastro perfetto tra le quattro storie che animano il film e solo a tratti si sfiorano.

Claudio Amendola, dietro e davanti la cinepresa, porta al cinema Il Permesso: 48 ore fuori, mettendo in scena un inedito criminale Luca Argentero.

Questa invece la sinossi del film: Dal carcere di Civitavecchia escono con un permesso di 48 ore 4 detenuti: Rossana, 25 anni, arrestata in aeroporto per traffico di cocaina; il cinquantenne Luigi condannato per duplice omicidio che ha già scontato 17 anni di pena; Angelo, venticinquenne finito in prigione per una rapina compiuta con complici che non ha mai denunciato; Donato, 35 anni, condannato pur essendo innocente.

Quello realizzato e diretto da Claudio Amendola è dunque un noir in cui non mancano i momenti di indagine sociale e l'interesse nei confronti delle personalità dei protagonisti. Ma mentre lo stesso Amendola riesce a mantenere una espressività moderata, buona in ogni occasione per un malavitoso della sua taglia, Luca Argentero rischia di avere stessa voce e stesso sguardo in cerca di vendetta sia quando prende a pugni qualcuno sia quando prende un caffè. "Ma ho vissuto questa esperienza come un regalo" ha spiegato l'attore. Storie molto diverse fra loro, alcuna delle quali si intrecceranno.

Amendola fa suo l'action hollywoodiano e lo cala in un contesto totalmente italico permeato e influenzato da registi come Umberto Lenzi, Damiano Damiani, Sergio e Bruno Corbucci, Massimo Dallamano, Fernando Di Leo, Stelvio Massi, Mario Caiano. Ma adesso sono fuori, e devono decidere in che modo spendere il poco tempo che gli è stato concesso.

La sua opera prima, La mossa del pinguino, era una commedia: perché ha virato sul noir?

IL PERMESSO - 48 ORE FUORI, IL FILM DA OGGI AL CINEMA: CURIOSITA' (30 marzo 2017) - Il permesso - 48 ore fuori è stato girato in Abruzzo: tra Pescara e il Parco Nazionale, Amendola ha voluto ambientare in un paesaggio rurale e campestre il suo secondo film.